Cibi curativi: la melanzana

melanzana.pngSolanum melangea o mela insana o mela di Sodoma tanti appellativi per uno stesso prodotto: la melanzana.
Quest’ortaggio ha radici antiche: se ne hanno notizie già dalla regione di Assame in Birmania millenni fa; è stata importata dalle carovane arabe nell’Africa del nord e i nordafricani la portarono con sé nell’invasione della Spagna all’inizio del Medioevo.
La melanzana per molti secoli non è stata vista di buon occhio: appartiene alla famiglia della solanacee alla quale appartengono anche pomodoro, peperone, stramonio e belladonna e contiene una sostanza tossica, la solanina, che però si degrada con la maturazione dell’ortaggio e si elimina completamente nel corso della cottura.
A causa di questo principio attivo nel passato si pensava che potesse generare follia, febbre e crisi epilettiche.
Oggi invece, studi condotti presso il Department of Food Scie esplica un’azione molto simile a quella prodotta dagli ace-inibitori.
L’American Diabetes Association, inoltre, raccomanda ai pazienti affetti da diabete di tipo 2 e ipertesione di consumare regolarmente melanzane perché sono molto ricche di fibre, contengono carboidrati poco solubili e contengono sostanze fenoliche che inince dell’università del Massachuttes ha rivelato che l’infusione di pezzi di melanzana potrebbe ridurre la pressione arteriosa perché questo infusobiscono alcuni enzimi chiave nella genesi di entrambe le patologie. Fonte: American Diabetes Association

Parmigiana di melanzane Light

2 melanzane tonde
passata di pomodoro quanto basta
30 g di parmiggiano
1 cucchiaio olio extra vergine
sale quanto basta
1 spicchio d’aglio
basilico quanto basta.

Pelate le melanzane e tagliate a fette di 1 cm circa
Salatele e lasciatele riposare per 2 ore.
Pennelate ogni fetta con un intingolo composto da aglio schiacciato, un poco di acqua e olio.
Quindi mettete le melanzane in un cartoccio di carta stagnola con un goccio d’acqua e cuocete al forno per 35 m. a 180°.
Nel frattempo preparate un sughetto piuttosto denso con la passata di pomodoro l’aglio,il basilico; salate e pepate.
Quando le melanzane sono cotte preparate una pirofila cominciando con uno strato di sugo, prosseguendo con le melanzane, sugo, parmigiano, olio, melanzane fino ad esaurimento degli ingredienti e finendo con il parmigiano rimasto.
Quindi mettete in forno a 180° per 40 m.
E’ buonissima calda, meglio tiepida o fredda.

Cibi curativi: la melanzanaultima modifica: 2009-05-16T14:16:00+02:00da altramusa
Reposta per primo quest’articolo
Share

Lascia un commento