Tecniche di cottura

7591_1_b.JPGOGGI CUCINO A VAPORE

E’ il sistema di cottura più sano e dietetico: il cibo cuoce grazie all’umido dell’acqua che bolle, senza essere a contatto diretto con il liquido; si conservano le  vitamine e minerali, e gli alimenti  cuocinano a temperature relativamente basse, mantenendo quasi inalterati i sapori e gli aromi, rispettando principi nutrizionali e qualità organolettiche.

Uno dei vantaggi della cottura a vapore è che non si usa nessun tipo di grasso, quindi gli alimenti risultano molto digeribile.

Ci sono pentole e recipienti specifici per questa cucina : vaporiere, cestelli in acciaio o in bambù, ma per chi vuole provare basta una pentola con coperchio e un colino a maglie fini.

Ricordate che:

–  la cottura degli alimenti al vapore, inizia soltanto quando l’acqua è in ebollizione

–  bisogna tagliare gli alimenti della stessa misura; se si cuociono alimenti con diversi tempi di cottura si devono aggiungere in un secondo momento quelli che cuociono prima

–  se si usano più cestelli, uno sopra l’altro, mettere  nello scomparto inferiore quegli alimenti che rilasciano liquido.

–  nell’acqua sottostante si possono aggiungere erbe aromatiche o succo di limone che, bollendo, impregneranno gli alimenti con i loro odori

Si presta soprattutto per cucinare verdure e pesce, mentre è sconsigliata per le carni.

Non è necessario cucinare troppo le verdure, meglio se rimangono al dente.

Tutti i tipi di pesce si cucinano al vapore con ottimi risultati, ma fate attenzione alla loro qualità e freschezza  perché la cottura a vapore non copre i sapori degli alimenti, come accade con altre cotture ma ne esalta la fragranza e la freschezza.

Per quanto riguarda i tempi di cottura:

–  una porzione di pesce da 150 gr cuoce in 10 minuti  (ricordarsi di girarla a metà cottura per ottenere una cottura uniforme)

–  le verdure meno tenere cuociono in 15 /20 minuti

–  le patate intere con la buccia in cuociono  30 minuti

–  il carciofo, così coriaceo,cuoce in 45 minuti

 

Tecniche di cotturaultima modifica: 2009-05-19T00:36:00+02:00da altramusa
Reposta per primo quest’articolo
Share

Lascia un commento