La ”famigerata” dieta del minestrone

http://ilmenudiangela.files.wordpress.com/2008/09/minestrone-supa-de-legume1.jpgLa dieta del minestrone è un regime alimentare adatto esclusivamente a chi deve perdere almeno 7-8 kg; non è consigliabile a chi ha solo qualche chilo di troppo.

Durata: 7 giorni, ripetibili

I primo giorni della dieta sono i peggiori, perchè si consumano esclusivamente frutta e verdura allo scopo di depurare l’organismo ed eliminare le tossine.

Affinchè questa dieta abbia successo e faccia dimagrante deve esser seguita per almeno 7 giorni di seguito;farla solo per 2-3 giorni sarebbe assolutamente inutile. Per verificare i risultati è bene controllare il proprio peso la mattina tra il  quarto e l’ottavo giorno. Almeno di 2-3 kg il quarto giorno garantiranno una buona riuscita.Alla fine della dieta avremo perso di almeno 5 kg. Se al quarto giorno di dimagrimento è superiore ai 2-3 kg è necessario modificare lo schema, arricchendo la colazione con 3-4 fette biscottate integrali e il pranzo con 120-140 g di pasta o riso integrali.

 

In caso di gonfiore addominale (dovute alla fermentazione) si possono assumere fermenti lattici vivi.

AVVERTENZE:
Per rendere la dieta più efficace è consigliabile abbinare una moderata attività fisica;corsa leggera, bicicletta, nuoto (almeno 3 volte alla settimana) oppure una passeggiata di 30 minuti (tutti i giorni).
Se all’inizio della dieta di mantenimento si registrasse un lieve aumento o una diminuzione del peso (uno-2 chilogrammi) non bisogna allarmarsi: è il segnale di un adattamento dell’organismo al nuovo tipo di alimentazione.
Il minestrone, tranne che il primo e il settimo giorno, va mangiato una sola volta; non è necessario, però, assumerlo nel pasto indicato. Si può, infatti, invertire la cena con il pranzo e viceversa.
Quando nello schema del regime di mantenimento non è indicata alcuna quantità accanto agli alimenti vuol dire che questi possono essere assunti liberamente, senza alcun limite di quantità. Quando le dosi sono indicate, invece, si riferiscono all’alimento crudo e vanno rispettate scrupolosamente.

Segue schema dietetico

PRIMO GIORNO

Colazione: caffè o tè; mele e pere
Spuntino: succo di frutta non zuccherato
Pranzo: minestrone; mele
Merenda: succo di frutta non zuccherato
Cena: minestrone; pere
Variante: le mele e le pere previste possono essere sostituite da frutta a scelta (escluse uva e banane) che può essere anche cotta o in scatola senza zuccheri aggiunti.

SECONDO GIORNO

Colazione: caffè
Spuntino: tè
Pranzo: minestrone; bietole e cicoria o indivia e broccoletti cotti oppure radicchioverde
Merenda: tè o caffè
Cena: minestrone; 200 g di patate lesse con 10 g di burro
Variante: le patate con il burro possono essere sostituite da 350 a di funghi cucinati con 2 cucchiaini di olio extra vergine di oliva

TERZO GIORNO
Colazione: tè o caffè; pere e ananas
Spuntino: succo di frutta senza zucchero
Pranzo: minestrone; carote e carciofi crudi o cotti
Merenda: succo di frutta senza zucchero
Cena: minestrone; peperoni, melanzane e zucchine alla griglia
Variante: le pere e l’ananas della colazione possono essere sostituite da frutta a scelta (escluse uva e banane), che può essere anche cotta o in scatola senza zuccheri aggiunti

QUARTO GIORNO
Colazione: cappuccino preparato con 200 ml di latte scremato; banane
Spuntino: tè o caffè
Pranzo: 200 g di yogurt magro; una banana
Merenda: tè
Cena: minestrone; un frappé preparato con 200 ml di latte e una banana
Variante: i 200 9 di yogurt del pranzo possono essere sostituiti da 150 g di ricotta o da 120 g di mozzarella o di gorgonzola o di caciotta

QUINTO GIORNO
Bere 1,5-2 litri di acqua oligominerale
Colazione: caffè
Spuntino: tè
Pranzo: 300 g di pesce al vapore (merluzzo, sogliola, nasello); pomodori
Merenda: tè
Cena: minestrone; 200 g di pesce alla griglia (orata, spigola, rombo)
Varianti: a pranzo i 300 g di pesce alla griglia possono essere sostituiti da 300 g di calamari o seppie alla griglia; a cena i 300 g di pesce alla griglia si possono sostituire con 150 g di tonno al naturale o con 100 g di salmone affumicato

SESTO GIORNO
Colazione: caffè
Spuntino: tè
Pranzo: una o 2 bistecche di vitellone o manzo alla griglia; zucchine e finocchi al vapore
Merenda: tè
Cena: minestrone; 300-400 g di pollo arrosto senza pelle
Variante: a cena al posto del pollo arrosto si possono mangiare 250 g di tacchino arrosto

SETTIMO GIORNO
Colazione: caffè
Spuntino: succo di frutta senza zucchero
Pranzo: 150 g di riso integrale con verdure a piacere; asparagi, cipolle e carote al vapore
Merenda: succo di frutta senza zucchero
Cena: minestrone; barbabietole e cetrioli
Varianti: a colazione si possono aggiungere 2 fette biscottate integrali con 2 cucchiaini di marmellata senza

IL MINESTRONE VERSIONE INVERNALE
il minestrone costituisce la pietanza base della dieta.E’ importante, però, che sia preparato esclusivamente con gli ingredienti e le varianti previsti nella ricetta riportata qui sotto che prevede ortaggi reperibili in inverno.

Va precisato che è possibile apportare sia tutte sia soltanto alcune delle varianti proposte. E’ importante però rispettare le indicazioni: il nuovo ingrediente può sostituire solo quello a cui si riferisce non altri. Così, per intenderci, gli spinaci
possono essere inseriti solamente al posto elle rape e non, ad esempio,
delle cipolle o dei porri.

INGREDIENTI E SOSTITUZIONI:
6 porri (oppure 6 cipolle); un cavolo verza grande (può essere sostituito da un broccolo verde); 4-5 rape bianche (possono essere sostituite da 500 g di sedano intero (può essere sostituito da un finocchio intero); uno o 2 barattoli di pomodori pelati in base al gusto (i pelati possono essere aboliti); dado vegetale; spezie e aromi vari a piacere.

PREPARAZIONE:
tagliare le verdure inpezzi piccoli; metterle in una pentolacon il dado vegetale e coprire con acqua; aggiungere un po’ di sale; portarea ebollizione e lasciare sul fuoco per I minuti a fiamma alta, quindi abbassare la fiamma e far cuocere lentamente per il tempo desiderato.

MANTENIMENTO
La dieta di mantenimento conserva lo stessa struttura della dieta del minestrone, alla quale va fatta seguire per non riacquistore i chili persi.
Non presenta controindicazioni, e può essere seguita senza problemi anche per più di un mese.
E’ divisa in tre fasi.
La prima fase è caratterizzata da un abbondante consumo di frutta e verdura e pochi carboidrati.
La seconda fase è contraddistinta dall’assunzione di una maggiore quantità di proteine.
Nella terza fase tornano in quantità elevata i carboidrati.

Il minestrone ha un ruolo importante anche in questo schema alimentare. Tranne il primo giorno, in cui è previsto sia a pranzo sia a cena, e l’ultimo giorno, in cui non è presente, il minestrone va mangiato almeno una volta al dì. Così è possibile godere delle sue proprietà disintossicanti e stimolanti per lo smaltimento dei grassi.

Dal quanrto al sesto giorno è opportuno introdurre un litro-un litro e mezzo di acqua al giorno, a causa dell’elevato consumo di proteine di origine animale. L’abbondante assunzione di liquidi impedisce l’accumulo di tossine che queste sostanze possono deterntinare.

Non si possono consumare alcolici; bibite gassate, anche dietetiche; burro e margarina; maionese, ketchup e altre salse.

Nei primi giorni è vietato l’uso di qualsiasi grasso per condire. Dal quarto giorno in poi si possono utilizzare 2 cucchiaini al giorno di olio extravergine di oliva.

Per dare più gusto ai piatti si può usare il dado vegetale.
Il sale può essere usato con moderazione (uno-due cucchiaini al giorno), mentre sono libere le quantità di spezie e aromi.

Per dolcificare si può usare il fruttosio.

AVVERTENZE:
Per rendere la dieta più efficace è consigliabile abbinare una moderata attività fisica;corsa leggera, bicicletta, nuoto (almeno 3 volte alla settimana) oppure una passeggiata di 30 minuti (tutti i giorni).
In caso di stitichezza si può fare uso di crusca (3-4 compresse o cucchiaini al giorno).
Se all’inizio della dieta di mantenimento si registrasse un lieve aumento o una diminuzione del peso (uno-2 chilogrammi) non bisogna allarmarsi: è il segnale di un adattamento dell’organismo al nuovo tipo di alimentazione.
Il minestrone, tranne che il primo e il settimo giorno, va mangiato una sola volta; non è necessario, però, assumerlo nel pasto indicato. Si può, infatti, invertire la cena con il pranzo e viceversa.
Quando nello schema del regime di mantenimento non è indicata alcuna quantità accanto agli alimenti vuol dire che questi possono essere assunti liberamente, senza alcun limite di quantità. Quando le dosi sono indicate, invece, si riferiscono all’alimento crudo e vanno rispettate scrupolosamente.

PRIMO GIORNO
Colazione: caffè o tè; frutta a scelta eccetto banane e uva; 2 fette biscottate con 2 cucchiaini di marmellata senza zuccheri aggiunti
Spuntino: succo di frutta senza zucchero
Pranzo: minestrone; peroni arrosto o bietole al one; 100 g di pane
Merenda: spremuta di agrumi
Cena: minestrone; zucchine o carote lesse; 100 g di pane

SECONDO GIORNO
Colazione: caffè o tè; 2 fette biscottate con 2 cucchiaini di marmellata senza zuccheri aggiunti
Spuntino: spremuta di agrumi
Pranzo: minestrone; verdura a scelta tra bietole, cicoria, indivia, broccoletti, radicchio verde, spinaci; 100 g di pane
Merenda: succo di frutta senza zuccheri aggiunti
Cena: 200 g di legumi (piselli, fagioli, ceci o lenticchie) oppure 200 g di alimenti a base di soia (spezzatino, bistecca, tofu); verdura a scelta tra bietole, indivia, broccoletti, radicchio, spinaci; 100 9 di pane

TERZO GIORNO
Colazione: tè o caffè; frutta a scelta eccetto uva e banane; 2 fette biscottate con 2 cucchiaini di marmellata senza zuccheri aggiunti
Spunfino: succo di frutta senza zucchero
Pranzo: minestrone; verdure a scelta tra carote, carciofi, zucchine, peperoni grigliati o al vapore
Merenda: spremuta di agrumi
Cena: zuppa di farro o di orzo oppure polenta condita con pomodoro fresco e aromi oppure insalata preparata con mais, carote, lattuga, radicchio, rughetta, cipolle; verdure grigliate o al vapore, a scelta tra carciofi, biete, zucchine, peperoni

QUARTO GIORNO
Da questa giornata in poi si introducono, per cucinare o condire, 2 cucchiaini
di olio extravergíne di oliva al giorno
bere 1-1,5litri di acqua oligom~nerale
Colazione: cappuccino preparato con 200 ml di latte scremato; 2 fette biscottate con 2 cucchiaini di marmellata senza zuccheri aggiunti
Spuntino: 200 g di yogurt magro
Pranzo: frittata preparata con 2 uova e carciofi; verdure a scelta tra lattuga, indivia, scarola, rughetta, insalata belga, cipolle; 50 g di pane
Merenda: tè o caffè
Cena: minestrone; verdure a scelta tra lattuga, indivia, scarolo, rughetta, insalata belga, cipolle; 50 g di pane

QUINTO GIORNO
Bere 1-1,51ítri di acqua oligominerale
colazione: caffè o tè; frutta a scelta tranne uva e banane
Spuntino: spremuta di agrumi
Pranzo: 250 di seppie oppure 250 g di calamari reparati con pomodoro esco; verdure a scelta tra bietole, cicoria, indivia, broccoletti,radicchio verde, spinaci
Merenda: succo di frutta senza zucchero
Cena: minestrone; 200 g di pesce (orata, spigola, rombo, merluzzo, spigola) al forno o al cartoccio; 50 g di pane

SESTO GIORNO
Bere 1-1,5litri di acqua oligominerale
Colazione: caffè o tè; frutta a scelta tranne uva e banane
Spuntino: succo di frutta senza zucchero
Pranzo: 200-300 g di carne a scelta fra bistecca di manzo, di maiale, di vitello oppure spezzatino di pollo o di tacchino; verdure al vapore, a scelta tra finocchi, carote, zucchine; 50 g di pane
Merenda: spremuta di agrumi
Cena: minestrone; 100 g di prosciutto crudo magro oppure di bresaola; 50 g di pane

SETTIMO GIORNO
Colazione: tè o caffè; 2 fette biscottate con 2 cucchiaini di marmellata senza zuccheri aggiunti
Spuntino: spremuta di agrumi
Pranzo: 180 g di pasta con verdure a piacere; verdure crude o cotte, a scelta tra barbabietole rosse, asparagi, cavolfiore, broccoli verdi,cetrioli, rapanelli Merenda: succo di frutta senza zucchero
Cena: 200 g di pizza marinara o vegetariana senza mozzarella; verdure cotte, a scelta tra broccoli, barbabietole, asparagi, cavolfiore

Dieta raccolta da www.elettroshop.net

La ”famigerata” dieta del minestroneultima modifica: 2009-07-28T13:32:00+02:00da altramusa
Reposta per primo quest’articolo
Share

One Comment

Lascia un commento