Crostini di crema di topinambur con grana e paprika

Il topinambur, detto anche patata americana, patata del Canada, pera di terra, tartufo di canna o tartufala bastarda ed è un tubero originario del Brasile.E’stato per decenni un alimento sostitutivo della patata; dai suoi tuberi si ottiene anche una farina che può sostituire fino al 10% la farina di grano nella preparazione di prodotti da forno.

 

Il topinambur si trova nei mercati verso la fine dell’autunno: quando lo acquistiamo dobbiamo scegliere tuberi sodi, con buccia marroncino violacea, senza ammaccature o lesioni.
Si conserva avvolto in sacchetti di carta nel frigorifero: a contatto con l’aria tende a raggrinzirsi.

 

200g di topinambur
1 fetta di pane
100g di grana grattugiato

½ cipolla brodo vegetale q.b.
parpika q.b. maggiorana q.b.
10 olive nere olio,
sale e pepe q.b.

Sbucciare i topinambur e tagliarli a quadrettini.

Rosolarli in padella con olio e la cipolla tritata e stufata. Sfumare con vino bianco e portare a completa cottura i topinambur con poco brodo vegetale. Frullarli e ridurli in crema. Tostare i cubi di pane in padella con olio paprika e maggiorana, aggiungervi il grana e mescolando bene. Spegnere la fiamma, lasciare indurire il formaggio sul pane e servire i crostini sulla crema di topinambur dentro una zuppieraAbbellire con poche olive nere denocciolate e tritate.

Il topinambur è costituito principalmente da:

  1. Glucidi per il 15%-20%;
  2. Protidi 2%;
  3. Acqua 80%;
  4. Vitamina A, indispensabile per la crescita, la riproduzione e l’integrità dei sistema immunitario;
  5. Vitamine del gruppo B. Indicate negli stati di debilitazione generale, stress psico-fisici intensi, anoressia, anemia, alcolismo, obesità, patologie neurologiche varie, periodi post-operatori;
  6. Ferro;
  7. Potassio.
Crostini di crema di topinambur con grana e paprikaultima modifica: 2010-02-12T02:07:00+01:00da altramusa
Reposta per primo quest’articolo
Share

Lascia un commento