Asparagi sott’olio

Sembra che l’asparago selvatico abbia simpatia per alcuni ed antipatia per altri, quasi un essere pensante: passando nello stesso posto, infatti, si fa scoprire dai primi e si nasconde ben mimetizzato agli altri. È alto ed ha sapore fortemente amarognolo ma con tonalità gradita, sapido e gustoso. Durante la cottura si riduce notevolmente nel volume. Viene venduto a partire dalla fine di gennaio e fino a tutta primavera agli angoli delle strade; difficile, purtroppo reperirlo in negozio.

http://www.ceglieincucina.com/public/Ricette/Confetture_e_conserve/asparagi_sottolio.jpg

Cosa serve
1kg di – Asparagi
50 Cl – Aceto Di Vino Bianco
30 gm – Sale
50 Cl – Acqua
Aglio
Olio extravergine D’oliva

Preparazione:
Tagliate i gambi agli asparagi, lessateli in acqua ed aceto e fate cuocere, scolateli prima che diventino molli. Scolateli e fate in modo di livellarli tagliando ancora il gambo. Procuratevi dei barattoli alti e stretti, sterilizzateli ed asciugate perfettamente. Sistemate gli asparagi uno accanto all’altro calcolando che tra le punte e la chiusura del barattolo avanzino uno o due centimetri di vuoto. Versate nel barattolo un po’ di sale, uno spicchio d’aglio a pezzetti (per barattolo) e coprite il tutto con olio d’oliva, facendo attenzione che le punte degli asparagi rimangano sommerse. Quando saranno completamente freddi, chiudete ermeticamente il barattolo e riponetelo al buio. Sono pronti dopo un paio di mesi.

Asparagi sott’olioultima modifica: 2010-04-17T06:17:00+02:00da altramusa
Reposta per primo quest’articolo
Share

Lascia un commento