Saper mangiare: il mandarino

Il mandarino è l’ agrume più dolce, al pari di arance, limoni, pompelmi, e può, a ragione, vantarsi di possedere svariate proprietà salutari, per la sua delicatezza è gradito anche ai più piccini ed alle persone anziane. L’ unica pecca del mandarino, per chi segue un regime ipocalorico, è l’ elevato contenuto di zuccheri, il doppio dell’ arancia. Non è certo un buon motivo per non gustarlo considerando, soprattutto, le sue eccezionali proprietà terapeutiche.

 

mandarino.jpg

 

  • IL MANDARINO

Provieniente dall’omonimo arbusto sempreverde, della famiglia delle Rutacee, originario della Cina meridionale; dal colore arancio, profumato, dalla polpa di colore giallo-arancio, succosa e zuccherinauna buona quantità di olii essenziali.

Dall’ibridazione del mandarino con l’arancio sono nati i “mandaranci”, agrumi di dimensioni più grandi, mentre le clementine sono una varietà di mandarino da cui sono assenti i semi e il cui sapore è alqua.
La sua buccia è utilizzata come aromatizzante, perché contiene nto più dolce.

 

Sono una buona fonte di calcio, potassio e fibre, ed è anche il frutto fresco più ricco di zuccheri (oltre il 17%) e quindi di calorie, 72 per 100 g, catteristica che, associata all’indice di sazietà piuttosto basso, fa del mandarino un frutto di cui non abusare.
Ricordatevi che 1 kg di mandarini, contiene un totale di ben 500 calorie.


I mandarini aiutano quindi a rafforzare il sistema immunitario, consentono un accrescimento scheletrico armonioso e robusto, neutralizzano gli effetti dei radicali liberi.

 

  • Come si conservano i mandarini?

Potete conservare i mandarini a temperatura ambiente per 2-3 giorni; se intendete conservarli più a lungo, metteteli in un luogo fresco o nel frigorifero anche per 7-10 giorni.

Mandarini, clementine e mandaranci sono frutti pratici da consumare poiché facilmente sbucciabili anche da parte dei bambini, inoltre le dimensioni degli spicchi non eccessive, e il sapore non aspro come quello delle arance, rendono questo frutto particolarmente appetibile.

 

Saper mangiare: il mandarinoultima modifica: 2010-10-13T19:50:00+02:00da altramusa
Reposta per primo quest’articolo
Share

Lascia un commento