Saper mangiare: la carne di maiale

La carne di maiale per molto tempo non ha goduto di buona fama tra i consumatori, ma va detto che se si mangia carne di maiale magra e non si abusa in quantità o in frequenza, questo alimento è coerente con una dieta equilibrata e sana

 

braciola-alla-cacciatora.jpg

 

 


La carne nel maiale fa parte della categoria delle carni bianche e, nonostante sia stata per molto tempo una carne prevalentemente grassa, recentemente, grazie al miglioramento dei mangimi, è diventata una delle carni “magre”.

  • È ideale per la griglia dato il basso contenuto di grasso ed è anche molto digeribile.
  • Le parti anteriori sono di seconda e terza categoria e vanno cucinate più lungo per renderle tenere.
  • Le parti anteriori apportano molte proteine, quelle che formano il collagene e che aumentano con l’età dell’animale.

Il contenuto di grassi si è ridimensionato tanto che l’apporto calorico è di sole 167 calorie per 100 g di carne magra.

Gli altri nutrienti sono principalmente proteine ad alto valore biologico e minerale, tra cui il ferro.

La carne di maiale è anche molto digeribile, data la scarsità di tessuto connettivo, come cartilagini, tendini ecc.

 

Consiglio

  1. Eliminare il grasso visibile.
  2. Sgrassare durante e dopo la cottura le salse e il brodo; preparare la carne e metterla in frigo per togliere facilmente il grasso solidificato.
  3. Tagliare i salumi prima di servirli per non farli seccare.

 

Saper mangiare: la carne di maialeultima modifica: 2010-10-20T06:09:00+02:00da altramusa
Reposta per primo quest’articolo
Share

Lascia un commento