La Dieta Atkins

Questa dieta prende il nome dal suo inventore, il dottor Atkins appunto, è nata all’incirca negli anni Settanta. Si basa su un principio molto particolare, cerca infatti di costringere il nostro organismo a sbarazzarsi delle riserve che ha accumulato.

mangiare-sano.jpg

Per eliminare queste riserve bisogna stimolare la produzione di un ormone particolare, chiamato “Fat Mobilizing Hormone”, che appunto fa muovere i grassi da dove si sono depositati con il passare del tempo.

La percentuale di quest’ormone nell’organismo è inversamente proporzionale alla presenza di carboidrati, quindi questa dieta cerca di ridurre il più possibile gli alimenti che hanno un’alta dose di carboidrati come la pasta, il riso, il pane, la frutta e i dolci.

  • La dieta Atkins prevede tre fasi fondamentali di dimagrimento:

– una prima fase che è caratterizzata dalla rigorosa osservazione delle principali norme dietetiche;
– una seconda fase, intermedia tra la prima e la terza, nella quale si ritorna ad un regime alimentare pressochè normale;
– ed infine una terza fase, quasi totalmente di mantenimento, nella quale si continua un’alimentazione normale, applicando però dei correttivi qualitativi ai cibi assunti.

  • I cibi vengono divisi a loro volta in tre categorie specifiche:

– della prima fanno parte gli alimenti che vengono vietati assolutamente durante la prima fase di dieta, che vengono poi introdotti leggermente nella seconda fase intermedia e riprendono nella terza fase di mantenimento.

Questi cibi sono quelli maggiormente ricchi di carboidrati come il pane, la pasta, il riso, i cereali e gli altri farinacei;
– della seconda fanno invece parte tutti quei cibi solitamente propedeutici per una buona fase di dimagramento, come la carne, il pesce e le uova;
– infine della terza fanno parte gli alimenti che vengono somministrati nella seconda e terza fase della dieta e cioè i formaggi, i legumi e le verdure.

Occorre però mettere in evidenza come questa tipologia di dieta sia fortemente sbilanciata passando da periodi di normale alimentazione ad altri di rigorose rinunce, in particolare si vengono a creare delle carenze di vitamine e di sali minerali che sarebbe necessario colmare con l’assunzione di integratori.

Questa dieta è consigliata a persone in ottimo stato di salute che vogliono perdere in maniera rapida qualche chilo, ricordando però sempre di consultare il proprio dietologo; mentre è assolutamente sconsigliata ai bambini, agli anziani, a donne in gravidanza o a persone che soffrono di particolari patologie.

 

Quasiasi dieta deve essere prescritta da un dietologo o da un medico. Non si assumono quindi responsabilità per interpretazioni volontarie e/o errate di quanto qui riportato.

 

La Dieta Atkinsultima modifica: 2010-10-24T16:37:00+02:00da altramusa
Reposta per primo quest’articolo
Share

Lascia un commento