Cucina Turca: Pollo speziato

La cucina turca è considerata una delle migliori nel mondo. E’un mix tra la cucina mediterranea e quella orientale; tra l’olio d’oliva, ingrediente tipicamente mediterraneo, e le spezie, ingredienti base della cucina orientale.

zafferano_380mingr.jpg

 

  • 2 kg di pollo tagliato in 12 pezzi,
  • 3 grossi pomodori sbucciati, dissemati e tritati,
  • 2 cipolle tritate sottili
  • 2 spicchi d’aglio schiacciati
  • 1 cucchiaio di semi di coriandolo pestati
  • 1 bustina di zafferano,
  • 4 cucchiai d’olio d’oliva,
  • 1 foglia di alloro
  • 2 peperoncini ( senza semi) ed affettati finemente,
  • 1 tazza di olive snocciolate e affettate,
  • 2 tazze di brodo di pollo
  • 2 cucchiai di uvetta bianca ammollata in acqua bollente
  • ½ kg di riso a grano lungo,
  • sale e pepe a piacere,
  • salsa Tabasco a piacere,
  • ½ cucchaino di cumino macinato
Come si fa

Rimuovete tutta la pelle dai pezzi di pollo.
Condite il pollo con sale e pepe.
Arrostite il pollo spellato in olio.
Rimuovete i pezzi non appena si imbruniscono.
I pezzi di pollo dovranno essere piuttosto cotti, se non lo sono, abbassate il fuoco e continuate a cuocerli.
Togliere la carne dal fuoco e mettere da parte
Nella casseruola vuota aggiungere le cipolle cuocetele fino a che non s’ammorbidiscano.
Aggiungete l’aglio, la foglia d’alloro e il coriandolo macinato. Incorporate e mescolate il riso fino a che non sia ben amalgamato con l’olio.
Versate i peperoncini sminuzzati e senza semi, poi cuocete per qualche minuto ancora.
Incorporate i pomodori, il cumino e lo zafferano.
Aggiungete l’uvetta ammollata.
Rimettete il pollo nella padella, versate 2 tazze di brodo di pollo bollente,
coprite la padella e  abbassate il fuoco
Lasciate sobbollire per 10 minuti.
Quindi aggiungete le olive e il riso
Continuate la cottura per altri 10-15 minuti fino a che il riso sia pronto.
Aggiungete, infine, un po’ di Tabasco e servite il piatto caldo.
Cucina Turca: Pollo speziatoultima modifica: 2010-10-29T13:58:00+02:00da altramusa
Reposta per primo quest’articolo
Share

Lascia un commento