Pasticcini glassati al cacao con trionfo di noci

Alzi la mano chi non ha mai desiderato accogliere le amiche delle cinque con questi pasticcini…fatti in casa

Per circa 60 pasticcini:

  • 300 g di farina 00
  • 200 g di burro morbido
  • 150 g di zucchero
  • 100 g di formaggio cremoso tipo   philadelphia, quark (anche light)
  • 2 uova
  • 1 bacca di vaniglia
  • 1 cucchiaino da tè raso di lievito vanigliato
  • 120 g di noci tritate
  • 100 g di cioccolato al latte tritato
Per glassare:
  • 250 g di zucchero a velo
  • 2 cucchiai di cacao amaro
  • 2-3 cucchiai di acqua calda

Per decorare:
  • 60 mezzi gherigli

 

Accendere il forno a 170° gradi
Montare il burro a crema con lo sbattitore, aggiungendo, gradatamente, lo zucchero. Continuando a montare, aggiungere, uno alla volta, le uova, poi il formaggio e i semi di vaniglia.
A questo punto, se si usa la planetaria, proseguire la lavorazione montando il gancio K, altrimenti montare i ganci per impastare.
Setacciare la farina con il lievito e incorporarla al composto. Aggiungere anche il cioccolato e le noci.
Formare circa 60 palline leggermente più alte che larghe in modo che in cottura non si schiaccino troppo.
Disporle, leggermente distanziate, su una teglia rivestita di carta da forno. Infornare per circa 15 minuti.
Sfornati i pasticcini, infornare per 5-6 minuti i mezzi gherigli. Far raffreddare.
Preparare la glassa semplicemente mescolando col cucchiaio lo zucchero a velo col cacao e aggiungendo 2-3 cucchiai d’acqua calda, pochissima per volta, fino a raggiungere la consistenza desiderata. Glassare i pasticcini e i mezzi gherigli come in foto. Se magari la glassa indurisce un po’ prima che possiate finire tutta l’operazione, basta scaldarla 3-4 secondi al microonde. Per incollare noci e pasticcini basta preparare un pochino di glassa più consistente (con meno acqua!), oppure usare un po’ di glassa reale o un po’ di cioccolato fuso.

Pasticcini glassati al cacao con trionfo di nociultima modifica: 2010-12-13T08:22:00+01:00da altramusa
Reposta per primo quest’articolo
Share

Lascia un commento